Leggi o Ascolta le mie Fantasie…

Caldo e Freddo

“Cosa senti?” alza per la prima volta di poco la voce. Provo ad aprire la bocca ma non so cosa dire. Allora mi rifà la domanda, spingendo più forte, finché lo zigomo contro il cemento non inizia a farmi male e stringo i denti, e fa freddo, e continua a fare male. “Freddo!”. "

 

Milly

"Dio, il modo in cui mi guarda. Sembra in tutto e per tutto un gatto. I suoi occhi comunicano una totale, dedita attenzione alla mia persona: non mi ha perso di vista un solo secondo da quando siamo in salotto e se le rivolgo la parola gli iridi scuri saltellano dal mio sguardo alla mia bocca in movimento, come se le parole non avessero alcun significato per lei. "

 

L'abisso

"Sapevo che quello era un momento crucciale per tutti i presenti: stavo letteralmente dettando le regole del gioco. Forse ancora più importante ne sondavo i limiti. Lui doveva capire che facevamo sul serio, e le altre dovevano prendere consapevolezza del fatto che, di lì a poco, avremmo concretizzato dei concetti che fino a quel momento erano stati solamente un’astrazione."

 

Back

"Lei stringe le ginocchia in un brivido, e tenta di coprirsi una volta rimasta completamente nuda davanti a noi. “E adesso?” trema un accenno di ribellione nella voce di lui, vedendola così umiliata."

 

La cenere, il Sudore

M/F
"Riconosco la sua mano calda muoversi a circoli sui miei glutei. “In effetti non abbiamo mai sfruttato questo bel culetto quanto si sarebbe meritato”. Lo sento eccitarsi di una fame diversa da quella che ho sempre sfamato. Ecco: ora non la riconosco più, la sua mano calda."

 

La brace, il Sole

M/F
"Poggio i palmi sui miei glutei e stringo, stringo quanto i jeans me lo permettono. Le unghie protestano quasi facendo una capriola all’indietro mentre quel bruciante dolore mi prende sedere e stomaco e gola. Stringo da farmi mancare il fiato. Per sentire qualcosa. Dolore. Ma è qualcosa."

 

Il Collezionista

F/M - M/F
"C’è qualcosa di avido nel suo atteggiamento: come se volesse prendere il più possibile da ogni cosa, ogni occasione, ogni incontro. La vita non è mai abbastanza: deve rubarne."

 

Aimantid

F/F - M/FF
"Mi avvicino all’orecchio e sussurro “Sei mai stata con una donna prima?”. Scuote la testa. “Nemmeno io sai? Magari pensi che io sia lesbica o bisessuale. Niente di tutto questo. È solo che ultimamente non penso ad altro se non a farti godere. Vorrei sentirti fremere mentre vieni nella mia bocca”."

 

Un Altro Mostro

M/F
"Annuisco. Perché l’ho fatto la amo le ho fatto paura ora ha paura di me non potrò mai più toccarla toccarla senza che lei abbia paura vorrei farle del male di nuovo a lei no non a lei. “Le hai fatto del male?”."

 

Zoo

M/F - F/M

"V: “Ah…la tua ragazza ha davvero un culo magnifico…te lo posso dire in confidenza, no? Non sei geloso se te lo dico”

L: “No, lo so, è così sodo e al tempo stesso…morbido; viene voglia di prenderglielo”

V: “Si…si…ti prego, non vorrei essere indiscreto ma…posso toccarlo?”

 

Sangue

F/M - M/F

‘Tu metti i palmi sulla scrivania e piegati’. L’ansa della sua schiena termina silenziosamente sotto la lunga gonna a pieghe. Mi avvicino a lui e lo conduco alle spalle di sua moglie. È timoroso, esitante. ‘Colpiscila’ gli consiglio sottovoce all’orecchio.

 

Coro

M/F - F/F

“Sono confusa ma mi piace”. “Mi è piaciuto, e mi fa paura mi sia piaciuto. Farle male.” “ - Gemi ancora - prego dentro di me.” “Tutto questo è perverso, è nuovo, mi eccita.” “Toccami ancora, colpiscimi ancora“ “Sono giovane, sono carne, ne ho bisogno.”

 

Il Campanello

M/F - F/M

"La mia lingua percorre un breve tratto di pelle assecondando la piega del fianco, poi mi alzo di nuovo. Il potere che sento di avere sulla sua volontà m’inebria, ed eccita; penso a come potrei godere maggiormente della sua cieca sottomissione."

 

Il Ladro di Bocche (prima parte)

Il Ladro di Bocche (seconda parte)

F/F

"La sento respirare ora, deve averle tolto il bavaglio. Ma la cosa non dura a lungo poiché di nuovo ammutolisce. Lui sospira. I miei occhi frugano attoniti e terrorizzati nel buio che mi sta di fronte, e a poco a poco il mio sguardo inizia a distinguere la scena che mi si para davanti…"

 

La Parete

M/F

"Lei geme e il suo respiro è tanto vicino al mio che posso sentirlo andare e venire sulla mia pelle. Inebriato da quel suono, distolgo un momento lo sguardo, socchiudo gli occhi, volto il viso e avvicino l’orecchio alla sua bocca, timoroso di perdere anche un impercettibile fiato, mentre le mie dita continuano a sciogliersi nel calore tra le sue gambe."

 

Riflesso 

M/F

"Chiudo gli occhi e lambisco la pelle lievemente con la lingua, poi decido di sorprendermi con un morso. Una lieve fitta comincia a pulsare nella mia bocca, e trovando questo gioco piuttosto eccitante decido di continuare e stringo di più, fino a farmi male. Gemo divertita da questo piccolo dolore auto inflitto e proseguo spingendo tre dita nel fondo della mia gola, fino quasi a farmi mancare il fiato e, mentre continuo a toccarmi, mi scopro sempre più eccitata.."

 

Online 

M/F
"Mi sembrava di attendere quel permesso da una notte intera, e il piacere che ne provo è istantaneo. Gemo sottovoce e di nascosto, ora non più complice solo di me stessa."

 

Nessuna Attenuante

F/MF
"Il sorriso che avevo sulle labbra è indelebile. Lo vede? Sorrido anche adesso, mi basta ripensarci. Tutta questa storia mi ha portato solo questo sorriso, e penso comunque ne sia valsa la pena."

 

Bionde

M/F
"A grandi passi mi avvicino al tavolo mentre vedo il suo sorriso smorzarsi, e i suoi occhi pormi mille domande. Con un colpo di mano butto a terra una forchetta. Poi la indico e ad alta voce le ordino -raccoglila-."

 

Luna

F/FF
"Per la prima volta torno a sentirmi cacciatrice e la osservo, la nostra piccola ospite, come saggia il bordo liscio della tazzina di porcellana. Guardo quella bocca ed ho già voglia di possederla."

 

Segreteria Studenti

M/F
"Si voltò a guardarmi mentre stava lì in piedi, come colta di sorpresa, davanti alla porta del bagno delle ragazze, con quell’unica luce a timer che le illuminava il viso. Poi in un attimo ci fu il buio totale."

 

La Mia Prima Partita

FF/F
"Accendo l’acqua, chiudo gli occhi. Non voglio pensare. Un rumore alle mie spalle e mi volto. Di fronte a me lei, il capitano, con i capelli sciolti e fiammeggianti e gli occhi una fessura."

 

Una Bella Storia

M/F
"Ecco io sono così: rumorosa, ma non me ne rendo conto; però mi è stato detto più volte…faccio rumore quando faccio sesso, quando parlo e anche quando mi muovo, mentre dal tuo appartamento, che è proprio sotto al mio, sento solo silenzio, e a volte, il suono della tua chitarra e tu, che divinamente canti."

 

Credo

MM/F
"Lo sento sopratutto in alcune zone, silenziosamente mi lamento, ma resto immobile. Il gioco, il loro gioco, è iniziato, e il giocattolo sono io."

 

Lezione di Piano

F/F
"Lei sorride ingenua, e ho la sensazione a volte, che faccia il possibile per irritarmi, che volutamente mi provochi per tirare fuori la parte peggiore di me."  

 

Ogni 25 del mese un Nuovo Racconto !

“Non posso giurare che questo sia successo realmente, ma sicuramente, questo è ciò che ho provato.” J.P.